“Cosa succede in città”, lunedi 18 gennaio con gli assessori Valentini e Domeniconi

Lunedì, 18 gennaio, alle ore 11:30, su Radiomondo 99.9 e Rietinvetrina nuova puntata della rubrica  “Cosa succede in città” con l’assessore all’Ambiente e Bilancio del Comune di Rieti, Claudio Valentini. Ospite anche Onorina Domeniconi, assessora alla Protezione Civile del Comune di Rieti.

La trasmissione andrà in onda sui 99.9 FM di Radiomondo, in streaming audio su www.radiomondo.fm e su smartphone e tablet Apple e Android con le APP ufficiali della radio

Radiomondo in questo fine 2020 ricorda l’amico musicista Tiziano Macilenti

In chiusura di questo 2020 Radiomondo vuole ricordare l’amico musicista Tiziano Macilenti, prematuramente scomparso all’età di 61 anni venerdì 26 giugno 2020.

Tiziano era un amico della nostra redazione, con lui stavamo collaborando per la realizzazione dell’evento Fest Band, kermesse musicale alla quale teneva tanto e per la quale stava mettendo tanta dedizione nell’organizzazione. Evento musicale che avrebbe dedicato al suo amico Eliseo Rosatelli.

Sanremo 2021, 24esimo NO per i Jalisse

24esimo NO per i Jalisse che dal 1997, anno della loro vittoria al Festival di Sanremo con il brano “Fiumi di Parole”, non sono più riusciti ad essere accettati nelle selezioni d’accesso alla kermesse musicale piu famosa d’Italia.

Il duo reatino, composto da Alessandra Drusian e Fabio Ricci, dopo il 1997, su 24 tentativi ha ottenuto 24 rifiuti dalle varie commissioni e direttori artistici.

Su Facebook il loro sfogo ricco di amarezza e frustrazione per risposte non ricevute relative al perchè delle varie esclusioni, soprattutto sulle motivazioni che hanno portato negli anni ad escluderli dal palco dell’Ariston.

È morto Pepe Salvaderi fondatore dei Dik Dik

È venuto a mancare Pepe Salvaderi, fondatore dei Dik Dik.

Un altro storico musicista italiano se ne va, per il dolore dei familiari e dei compagni di band.

Tante le canzoni che ci ha lasciato in eredità, molte nate anche dal rapporto con Battisti e Mogol, le quali hanno contribuito a dare un’identità al gruppo.

Due dei maggiori successi: “L’isola di Wight” e “Sognando California”.

Andrea Salini, il video del singolo “Roses” anticipa l’uscita del nuovo album

“Andrea Salini, chitarrista-cantautore, con il video del singolo Roses (ENTRA), annuncia l’uscita del suo nuovo disco prevista per la fine del mese di settembre.

Il video è stato pubblicato sul canale VEVO e visibile sulla piattaforma di YouTube. Il lupo del rock, come affettuosamente viene chiamato dai propri fans, a distanza di tre anni dal suo ultimo lavoro, “Lampo Gamma”, torna con una nuova produzione.

Il video della canzone “Roses”, che da il titolo al nuovo album del chitarrista della provincia di Rieti, è stato realizzato nel mese di marzo.

Il singolo Roses è disponibile nei principali digital store: https://distrokid.com/hyperfollow/andreasalini/roses

La produzione del video è stata affidata al regista Matteo Bianchi, che ne descrive la sinossi.

Il video si ispira alle straordinarie imprese di donne ordinarie durante la guerra di liberazione, viste attraverso gli occhi di una delle “Rose” di cui canta Andrea Salini: una staffetta partigiana che incarna la determinazione, il coraggio, ma anche la semplicità che accomuna tutte le grandi donne.

Il videoclip è stato girato nelle stesse località rurali che hanno fatto da sfondo agli eventi narrati nella realtà storica: è presso Artena infatti che si sono consumati i principali combattimenti a sud di Roma.

Attori: Camilla Angelini – First role Edoardo De Giosa – Second role Damiano Candela – Sentinel Alba Caivano- Old lady Eurosia Paloni – Woman in black Director: Matteo Bianchi Cinematographer: Niccolò Giansante​Editing: Alessandro Di Liddo Backstage: Simone Iannotti Runner: Anita Siragusa Costume design: Lucia Federica Capuano

Un ringraziamento speciale a: Felicetto Angelini, Pietro Bianchi, Simonetta Fabbri, Cristiana Zoncu, Vittorio Aimati, Pierino Scaccia, Cesare Bianchi, Lucia Bianchi Realizzato con la collaborazione di: Comune di Artena Cappelli Capuano dal 1965 Piroland 90 Chiesa di Santa Croce.”

Premio Tenco – Tutti i vincitori dell’edizione 2020

Brunori Sas, Tosca, Paolo Jannacci, Nuova Compagnia di Canto Popolare e i progetti Note di Viaggio – Capitolo 1: venite avanti in ex aequo con Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero sono i vincitori delle Targhe Tenco 2020, il riconoscimento assegnato dal 1984 ai migliori dischi italiani di canzone d’autore usciti nel corso dell’anno trascorso.

Gli artisti e i progetti discografici sono stati votati dalla più ampia giuria in Italia composta da giornalisti e critici musicali.

Il cantautore BRUNORI SAS con l’album Cip! (Island Records, Universal Music Italia) si aggiudica la Targa Tenco per il Miglior Album in assoluto con 56 voti. Gli altri finalisti, in ordine di preferenze ottenute, erano:  Paolo Benvegnù /Dell’odio dell’innocenza (48 voti); Diodato / Che vita meravigliosa (45 voti); Perturbazione /(dis)amore (24 voti); Luca Madonia / La Piramide (21 voti).

“Ho amato tutto” cantata da TOSCA e scritta da Pietro Cantarelli (Leave Music/Officina teatrale distr. Sony Music Italy) ha ottenuto maggior numero di voti (52) aggiudicandosi la Targa per la Miglior Canzone, che, ricordiamo, va agli autori dei brani e non agli interpreti. A contendersi il primo posto: Diodato / Che vita meravigliosa (51 voti); Rancore / Eden (40 voti); Giacomo Lariccia / Limiti (25 voti); Beppe Gambetta / Dove Tia O Vento (24 voti).

TOSCA con Morabeza (Leave Music/Officina Teatrale distr. Sony Music Italy) è risultata la più apprezzata per la categoria Interpreti di canzoni non proprie (93 voti). Tra i finalisti: The Niro / The Complete Jeff Buckley & Gary Lucas Songbook (57 voti); Peppe Fonte / Le canzoni di Piero Ciampi e Pino Pavone (19 voti); Beppe Dettori / (In)canto rituale – Omaggio a Maria Carta (12 voti); Maria Mazzotta / Amore Amaro (12 voti).

Per la sezione Opera Prima la vittoria è andata a PAOLO JANNACCI con Canterò (Ala Bianca Group) con 68 preferenze. Facevano parte delle nomination: Buva  / Quarantena (32 voti); Liana Marino / Partenze (28 voti); Lelio Morra  / Esagerato (27 voti); Réclame / Voci di corridoio (26 voti).

Per la targa Miglior album in dialetto, l’opera più apprezzata è stata quella della NUOVA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE (con 61 voti), Napoli 1534. Tra moresche e villanelle (Squilibri editore). Gli altri candidati erano: Alfio Antico / Trema la terra (41 voti); Daniele Sepe / Le nuove avventure di Capitan Capitone (36 voti); Eleonora Bordonaro / Moviti Ferma (31 voti); Sara Marini / Torrendeadomo (18 voti).

Per la Targa Tenco Album collettivo a progetto hanno ottenuto ex aequo maggiori consensi (51 voti): Note di viaggio – Capitolo 1: Venite avanti… (BMG Rights Management, distr. Universal Music Italia) e Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero (Squilibri editore). Gli altri progetti finalisti erano: 20 x 22 (Voci per la libertà) (29 voti); Calendario Civile (21 voti); Animantiga (19 voti).

Nel rispetto rigoroso dello stato di emergenza sanitaria e delle disposizioni governative per il contenimento del Covid-19, ma guardando con speranza al futuro, le Targhe verranno consegnate nell’edizione 2020 della Rassegna della Canzone d’autore (Premio Tenco), in programma al Teatro Ariston di Sanremo a novembre.

Ventuno anni fa ci lasciava Lucio Battisti

Ventuno anni fa moriva (9 settembre 1998) a Milano per una malattia, il cantautore Lucio Battisti, nato a Poggio Bustone il 5 marzo 1943. Battisti ha fatto la storia della musica italiana dalla metà degli anni ’60 in poi in coppia con il paroliere Mogol alias Giulio Rapetti con il quale creò canzoni che hanno fatto innamorare intere generazioni.

Il decennio dal 1970 al 1980 è stato ricco di grandi successi, incisi alla Numero Uno, l’etichetta discografica da lui fondata. In questi anni scrive anche tante canzoni per altri artisti come: Patty Paravo, Mina, La Formula 3. Lucio è stato un innovatore musicale, nei ritmi, nelle melodie, negli arrangiamenti, le sue canzoni ancora oggi risuonano nelle radio e nei locali. Alcune frasi contenute nelle sue canzoni sono divenute nel tempo frasi comuni, al pari dei proverbi, come ad esempio: “lo scopriremo solo vivendo”.

Un cantautore che ha sgomitato per emergere, andando anche contro chi non credeva in lui, da un paese di provincia è riuscito ad emergere fino ad arrivare nella grande Milano, terra di sogni e fortune. Curiosità, nel 1997 viene scoperto un asteroide che verrà intitolano “9115 Battisti”, in onore del musicista.

Alcune delle canzoni firmate Battisti: Dolce di giorno/Per una lira (1966), Luisa Rossi/Era (1967), Prigioniero del mondo/Balla Linda (1968), La mia canzone per Maria/Io vivrò (1968), Un’avventura/Non è Francesca (1969), Acqua azzurra, acqua chiara/Dieci ragazze (1969), Mi ritorni in mente/7 e 40 (1969), Fiori rosa fiori di pesco/Il tempo di morire (1970), Emozioni/Anna (1970), Pensieri e parole/Insieme a te sto bene (1971), Dio mio no/Era (1971), Le tre verità/ Supermarket (1971), La canzone del sole/Anche per te (1971), Elena no/Una (1972), I giardini di Marzo/Comunque bella (1972), Il mio canto libero/Confusione (1972), La collina dei ciliegi/Il nostro caro angelo (1973), Ancora tu/Dove arriva quel cespuglio (1976), Amarsi un po’/Sì, viaggiare (1977), Una donna per amico/ Nessun dolore (1978), Una giornata uggiosa/Con il nastro rosa (1980), E già/Straniero (1982).

LIVE OFFLINE
track image
Loading...